• Federico Durello

La Dieta Perfetta


Come bilanciare la nostra propensione verso il piacere del cibo e fare in modo che non torni indietro con il boomerang dei kili superflui? Piuttosto che limitarci alla ricerca della dieta perfetta, sarebbe più utile usare la “testa” e ragionare su ogni singola tappa del percorso di dimagrimento, per affrontare al meglio le possibili criticità, per allenare costantemente la nostra motivazione, sapendo cosa aspettarci dal futuro, quando la dieta sarà “finita”! Dobbiamo ragionare su alcuni punti: La dieta che funziona è quella che si riesce a fare. Proprio perché sarà la nostra dieta, dobbiamo immaginarla non come un supplizio, ma in modo che sia pratica e compatibile con il nostro stile di vita. La dieta che funziona è una palestra per il futuro. Prima ancora di iniziare, bisogna sapere da subito come si concluderà il percorso. Non esiste nessun metodo di dimagrimento che ci garantisca, finita la dieta, di riprendere a mangiare senza regole. Quindi è bene partire già preparati al futuro con una “cattiva” e una “buona” notizia. La “cattiva” notizia è che la dieta non si lascerà mai e diverrà nel tempo uno stile di vita. La “buona” è che quando non dovremo più perdere il grasso in eccesso, nel fine settimana (ad esempio) potremo mangiare di più e stare rilassati. La bilancia non è tutto. Non necessariamente la riduzione del grasso corporeo, correla con la velocità dei chilogrammi persi. Questo non accade ad esempio se la persona pratica sport e incrementa (con vantaggio) la sua massa muscolare o se la persona è disidratata e inizialmente deve colmare un deficit di liquidi corporei. Pertanto è inutile concentrarsi sulla bilancia e scoraggiarsi se non risponde (apparentemente) alla dieta, meglio sarebbe sostituirla con un centimetro. La dieta dovrebbe preservare la convivialità. Un regime alimentare che ci costringa a girare con i contenitori di cibo in borsa è infruttuoso, meglio è invece il ragionare su come gestire gli incontri con parenti e amici. Una dieta dovrebbe tener conto del piacere. Una dieta è tanto più efficace quanto più preserva il piacere. A poco vale la privazione, poiché la ricerca del godimento è insita nell’uomo. Una dieta triste terminerebbe con la ricerca spasmodica di nuova gratificazione. Una buona dieta non è sempre “troppo virtuosa”. Ippocrate diceva, “è preferibile un cibo anche un po’ nocivo ma gradevole, a un cibo indiscutibilmente sano ma sgradevole”. Non c’è dieta senza pasto libero. Il pasto libero è funzionale al corpo, evitando flessioni del metabolismo, e alla mente, dando una boccata di respiro alla dieta. In più è molto importante allenarsi anche durante la dieta a provare le leccornie (una pizza, un gelato o una birra ad esempio) per poi trovare la forza e la costanza di riprendere il percorso. Stravolgi ogni tanto le regole. Non c’è regola che non possa essere stravolta con gli opportuni accorgimenti del caso. Un piatto di pasta di sera, la frutta dopo il pasto possono essere una realtà, anche quando si sta a dieta. Attenzione agli alimenti e alle situazioni scatenanti. Non è sempre valido il discorso mangia un pò di tutto, ci sono degli alimenti ai quali, alcuni di noi, non riescono a dire basta. Un pacco di biscotti aperto, una tavoletta di cioccolata potrebbero scatenare abbuffate. Pertanto se un alimento viene riconosciuto dalla persona come scatenante, non portiamoci il “nemico” in casa, tanto vincerebbe lui (almeno agli inizi). Lo stesso vale per le situazioni scatenanti, come ad esempio quella di scegliere la via che ci conduca davanti la nostra pizzeria o gelateria preferita. Meglio cambiare strada! Le scivolate si perdonano. Non siamo perfetti e oltre ai successi dobbiamo mettere in conto anche le defezioni. Se “scivoliamo” e cediamo ad una tentazione, perdoniamoci e andiamo avanti! Il corpo non è una calcolatrice che tiene conto in maniera millimetrica di un eccesso calorico momentaneo. Questa si, è una dieta perfetta.



#nutrizionista #biologo #dieta #salute #sfida #mangiaresano #starebene #movimento #estate

201 visualizzazioni

dietaperte

Nutrizionista a Verona e Mantova
Dr. Federico Durello
hello@dietaperte.it
+39 392 2000 414
Albo Professionale N.Ordine: 069333

La Dieta Perfetta

October 28, 2015

1/5
Please reload

  • Instagram - Nutrizionista a Verona
  • Facebook - Nutrizionista a Verona

Studio Nutrizionista a Verona

 

Piazza Martiri della Libertà, 2


Studio Nutrizionista a Mantova

 

Presso Armonia Centro Polispecialistico 
Via fratelli Kennedy 73/c, S.Antonio

Porto Mantovano 46047 (MN)

Poliambulatorio Medico 
Via Umberto I, 24 a Monzambano (Mn)